Tag Archives: paure

Young couple arm wrestling against white background

Una coppia da favola…

informabusancona No Comments

E vissero per sempre felici e contenti. Fu così per tutte le principesse delle favole. Una volta sconfitta la matrigna cattiva, la strega invidiosa, o qualche altro mostro di varie forme e misure, non restava che abbandonarsi alle braccia dell’amato cavaliere azzurro, e il gioco era fatto. Beh, in effetti ne avevano già passate di cotte e di crude prima, quindi ora era giusto rilassarsi un po’.  E pensando pure agli occhioni speranzosi di quei bambini che avrebbero ascoltato il suo racconto, l’autore, impietosito, liberava improvvisamente il mondo da ogni male. E dopo averci raccontato di un matrimonio felice e di streghe ormai liquefatte o sbruciacchiate, posava la penna e ci risparmiava il seguito. Altrimenti non sarebbero state favole! E non ci avrebbero permesso di sognare ad occhi aperti. E mantenere in noi almeno fino alla prima adolescenza quella fiducia meravigliosa nel grande amore eterno…in cui appunto vissero tutti felici e contenti per sempre. E magari è proprio per quello che il primo amore non si scorda mai…perché ci si arriva a cuore aperto, privi di tutte quelle armi e armature che si costruiscono dopo, quando ti accorgi che la magia non va automaticamente avanti da sola in eterno. E si sa che arrivare ad abbracciare l’altro davvero e abbandonarsi liberamente a ciò che sentiamo, quando si ha una bella armatura addosso (peso specifico proporzionale alle batoste che abbiamo preso) non è facilissimo!! Il fatto è che ad un certo punto inizi a chiederti…”ma cosa sarà successo a cenerentola dopo il matrimonio”? No perché alla fine lei e il principe si erano visti solo al ballo…ma in un’eternità insieme (perché “per sempre” dura un bel po’) magari si saranno anche incontrati in una giornata storta, senza smoking e scarpe di cristallo.. Magari dopo una sessione di caccia andata male (perché il principe non lavorava) e una litigata con la domestica che rompeva continuamente le porcellane a palazzo…E magari si saranno anche accorti un giorno che lei amava il valzer ma lui in fondo preferiva la samba… lei adorava la cioccolata e lui la creme brulée…E lei si annoiava a morte mentre lo aspettava tornare dalla caccia (e per questo era diventata vegetariana e lo faceva pure sentire in colpa) e lui non sopportava proprio di aspettarla 20 minuti scendere le scale (perché si ostinava a camminare con le scarpe di cristallo che proprio comode non erano). Una volta che iniziamo a scrivere il seguito della favola ci rendiamo conto che, dopo la magia iniziale, c’è anche tutto un percorso fatto di pazienza, rispetto reciproco, voglia di conoscersi l’un l’altro, di crescere insieme, e anche di accettarsi per come si è. Perché se i cari autori delle favole erano stati un tantino sbrigativi… la vita ci ricorda che la cosa più bella è il viaggio che facciamo giorno per giorno… e che tanto vale goderselo perché il finale non è scritto da nessuna parte. E più aspettative, convinzioni e paure ci portiamo dietro, meno saremo in grado di vivere a pieno questo viaggio. E poi, come diceva qualche inguaribile romantico, l’altro lo dobbiamo scegliere e riscegliere ogni giorno senza dare troppe cose per scontato. E in questa scelta ognuno ha le sue priorità….perché impariamo crescendo cosa ci fa stare bene e cosa no. Voglio dire, Bella di Twilight pur di stare con il suo uomo accetta una vita da vampiri (che nonostante Edward abbia il suo perché, deve limitarla un tantino…tipo che l’estate al mare se la scordano per esempio). Magari invece Cenerentola potrebbe essersi resa conto (nella favola non raccontata) che nulla la rendeva più felice che ballare il valzer a rallentatore (per via delle solite scarpe) ad una festa vegana. E dopo vari tentativi di trovare un compromesso magari il principe se ne è partito per il Brasile dove ora fa il ballerino di samba, mangia churrasco (grigliata brasiliana ndr) tutti i giorni, ed è felicissimo. Detto questo, non mi resta che augurarvi buon viaggio….e buona scoperta (di voi e dell’altro)…e qualunque strada il vostro cuore vorrà prendere, godetevi il panorama, e se ce la fate non state troppo a pensare alla meta.

C.C.

Dovere-e-Piacere

Piacere, sono il Dovere…

informabusancona No Comments

Prima il dovere, poi il piacere. Così si dice. E quindi per prima cosa ci occupiamo di tutte quelle incombenze noiose ma necessarie, tipo studiare, prepararci per un esame, terminare un lavoro.. e poi finalmente ci dedichiamo a quello che ci piace. Magari uscire con gli amici, suonare uno strumento, andare a fare sport.. insomma ciò che ci fa divertire e ci ridona il sorriso dopo ore e ore di duro lavoro. Certo, c’è chi la prima parte tende a saltarla volentieri a pié pari tutte le volte che gli è possibile.. magari studiacchiando il minimo indispensabile, o addirittura non presentandosi a scuola o agli esami elaborando fantasiose scuse o diabolici piani strategici. Ma a meno che questi strateghi del divertimento non siano figli di rockfeller, prima o poi dovranno comunque fare i conti con Lui: il temuto, terribile, noioso ma imprescindibile Dovere. Il Dovere è qualcosa che ad un certo punto entra a far parte delle nostre vite, e non se ne va più. Arriva piuttosto presto a dire il vero: abbiamo giusto qualche anno di tempo per blaterare suoni a caso senza che debbano avere senso, sperimentare tutte le espressioni e le pernacchie del mondo senza dover essere educati, muoverci nel modo più scoordinato e ruzzolare come ci pare e piace, senza dover avere una meta. E soprattutto, mostrare chiaramente a tutti, ad ogni secondo e senza mezzi termini, cosa ci piace e cosa non ci piace.  E se gli altri non ci ascoltano peggio per loro, probabilmente li convinceremo con urla simili ad ultrasuoni, in grado di trapanare il timpano più paziente e resistente. Quest’epoca folle e sconsiderata della nostra vita si chiama infanzia, e se pur con le sue comprensibili sfide, è un’epoca davvero bella.

E ti credo, direte voi, i bambini non fanno niente dalla mattina alla sera a parte mangiare e dormire e fare pipì e popò! Uhm…. ma ne siete proprio sicuri? Ci avete mai pensato alla quantità mirabolante di cose che si imparano nei primi anni di vita? Tipo ad esempio camminare, non è certo una cosa da poco. E poi parlare! Ci pensate? E senza andare a scuola! Si parte con qualche bibaba mama e prrr… e poi pian piano scappa fuori una parola e un’altra..fino ad un intero vocabolario. Ecco, la differenza è che nessun bambino di due anni, dopo aver sputacchiato il brodino e fatto due pernacchie pensa “ok, adesso facciamo i seri, devo studiare italiano, sennò qui quando imparo a dire a mamma che voglio il triciclo per Natale..?” Perché il bambino impara giocando, seguendo l’istinto e quell’innato senso del piacere che poi ad un certo punto (più avanti) inizia a fare a cazzotti con lui… il Dovere. Quell’incombente presenza che ci fa passare la voglia di fare qualsiasi cosa. E se riuscissimo a trovare quella formula magica che trasforma il dovere in piacere? E se riuscissimo a trovare il lato divertente di ciò che facciamo, ricordandoci che quando una cosa ci diverte ci viene sempre molto meglio? Insomma quel tizio lì, il dovere, ma cos’ha da guardarci con quella faccia grigia e cupa… ma non se la fa mai una risata?? Magari possiamo trovare un compromesso, fargli un po’ il solletico…. e da parte nostra provare a recuperare quella divertita serietà che hanno i bambini quando giocano: è solo questione di ritrovare quello sguardo, e tutto ci apparirà diverso e più divertente. Vale la pena provare, anche perché mantiene giovani, meglio di un centro benessere. Del resto “l’uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare” (G. B. Shaw). Voi che ne dite??

C.C.

donna-allo-specchio-1927

E tu…ti piaci?

informabusancona No Comments

Specchio specchio delle mie brame… diceva la strega ogni santo giorno per avere conferma di essere lei, e solo lei, la più bella del Reame. Doveva avere qualche lieve eccesso di egocentrismo la poverina… nonché un serio e implacabile problema con la sua autostima. Un mix letale, che la portava ad estenuare il suo povero specchio (che essendo appunto uno specchio non poteva neanche darsela a gambe e mandarla a quel paese) con la stessa domanda, ancora ancora e ancora. Finché un giorno, lo specchio, davvero non ce la fece più, e rispose “basta cara mia, smettila con questa lagna, la più bella non sei tu, è Biancaneve”. Apriti cielo: un putiferio. Eh sì, perché la povera Grimilde non la prese molto bene questa storia di aver perso il primato, così, da un giorno all’altro. Per quella pallidina insignificante di Biancaneve poi, figuriamoci. Insomma il seguito lo conoscete già, Grimilde, perso il conforto dello specchio parlante, iniziò a sentirsi brutta, benché fosse comunque una donna niente male. Si sentì talmente brutta che ci diventò davvero, e si trasformò in una stregaccia di quelle classiche con la gobba e il bitorzolo sul naso. E così ridotta cercò di uccidere Biancaneve con una mela. Poveretta era andata proprio fuori di testa, roba da TSO immediato. Ma è una favola, che diamine. Tant’é vero che Biancaneve, come in ogni favola, era bella e quindi anche buona, e quindi ovviamente vinse sconfiggendo la cattiva stregaccia (che prima di stressarsi tanto era bella anche lei a dire il vero). Certe cose sono deliri che fortunatamente non appartengono alla realtà. Anche se… forse qualche litigio con lo specchio di tanto in tanto capita. Magari anche più che di tanto in tanto..? Beh, controllando le statistiche sembra proprio di sì. Sette donne su dieci tendono a non piacersi abbastanza quando si guardano allo specchio, e scommetto che non è una cosa che riguarda solo il sesso femminile. Pensate che addirittura è stata coniata la definizione di “Sindrome di Grimilde” per questo problema!! E pare non sia una cosa da sottovalutare, perché rischia di intaccare l’autostima, e portare a comportamenti rischiosi (come ad esempio diete incontrollate dannose per la salute). A chi non è mai capitato di sentirsi un po’ grimilde ogni tanto..? E allora….che fare? Non starete già preparando le mele mi auguro… non dimenticate che questa soluzione non è servita gran che alla povera matrigna. Che se invece di rodersi dall’invidia del confronto (che poi che cavolo ne sapeva lo specchio, voglio dire, neanche era mai uscito dallo scantinato quel poveraccio) l’avesse presa a ridere, o avesse consultato uno psicologo, magari sarebbe andata a fare shopping quel giorno. Avrebbe buttato quello specchio chiacchierone, si sarebbe detta che comunque era proprio niente male, e sarebbe invecchiata serenamente. Invece di tutto quel casino con la mela, i nani, il principe e la vecchia bitorzoluta. Quanto stress inutile!!! Fiabe a parte…. imparare a piacersi è una chiave fondamentale del vivere bene e dell’essere felici. E prendiamo atto che non è sempre facile. Anche perché a veder bene la favola della più bella del reame non pare proprio passata di moda (anzi, oggi abbiamo tanti di quei prodotti, trattamenti, ornamenti estetici che avrebbero fatto uscire di testa Grimilde in un attimo) e continua a riempirci la testa di stereotipi e ansie da confronto. Ed è importante sapere che non c’è specchio parlante che tenga…perché l’unico con cui dobbiamo davvero fare i conti è il nostro giudice interno. Che chiacchiera parecchio, anche quando non ci accorgiamo. E allora è fondamentale scoprire cosa ci dice, ed educarlo a inviarci messaggi positivi, a riconoscere i nostri pregi, magari anche chiedendo aiuto ad un esperto se necessario. Perché la bellezza e l’autostima iniziano sempre dall’interno, e imparare a volerci bene è una di quelle poche cose a cui non possiamo proprio rinunciare.

C.C.

negativo

Ascoltiamo l’altro me…

informabusancona No Comments

Una giornata no. Di quelle che anche ingoiare un boccone del nostro piatto preferito sembra uno sforzo titanico. Neanche la nostra canzone riesce a tirarci su… Facciamo una passeggiata virtuale tra  le frasi più improbabili di faccialibro…da spanciarsi dalle risate…e invece niente. Ma che è? Gli angoli della bocca sembrano murati dal botulino dopo un intervento mal riuscito. Ci guardiamo pure il centesimo selfie di quei tipi che cambiano compulsivamente le immagini del profilo tre volte al giorno. Sono tutte uguali scattate nel bagno davanti allo specchio con la bocca allungata in avanti (va di moda così) stile papero, o stile altra operazione al botulino mal riuscita. Ancora neanche una risatina piccola piccola…cavolo…sembra preoccupante. Una fastidiosa sensazione sembra essersi impossessata della nostra pancia e non se ne vuole andare. Non si capisce chi l’abbia invitata, e a dirla tutta questa presenza indesiderata non ha proprio nessun motivo valido per stare là. Quindi ora sarà meglio che se ne torni da dove è venuta. Già… ma da dove è venuta appunto?? E chi sarebbe poi questa intrusa? Sembra proprio assomigliare molto a quella goffa tipetta blu che nel cartone animato inside out chiamano tristezza (detta anche “mai una gioia”). Eh no eh… non possiamo farci vedere con questo muso lungo altrimenti chissà che diranno gli amici… noi che siamo sempre stati i festaioli di turno, quelli che non si perdono mai una serata, quelli che hanno sempre la battuta pronta. Piacciamo a tutti proprio per questo del resto no?  Ma oggi in realtà non abbiamo voglia proprio di parlare con nessuno. Chi, noi? I chiacchieroni di turno quasi a rischio logorrea? Già. Altra cosa preoccupante. Forse dovremmo contattare uno psicologo. Forse siamo proprio alla frutta. Forse abbiamo una doppia personalità…stiamo scivolando nella depressione…non siamo poi così simpatici e allegri…rimarremo soli…la nostra vita è finita…aaaaaaaagggghhh!!! Altttttt!!! Freniamo questa deriva disperata per carità. Sembriamo uno di quei cartoni animati giapponesi quando si agitano talmente tanto che si ritrovano con la faccia sformata, vediamo di non peggiorare la situazione. Qualcuno (più saggio di un cartone animato giapponese) diceva che non dobbiamo cercare di far andare le cose come vogliamo ma accettare le cose così come vanno. E poi la nonna dice sempre che non tutto il male viene per nuocere. E se fosse vero? Ci mettiamo sul divano e proviamo a parlare con questo scomodo intruso…che magari è lì per dirci qualcosa? Uhm… e va bene, tanto altro non riusciamo proprio a fare. Del resto la psicologia insegna che emozioni come la tristezza o la rabbia non vengono mai per caso. E se persistono è perché le accogliamo nel modo sbagliato, sperando che se ne vadano il più presto possibile. Chi, noi? Noooooo… Beh, e anche fosse, ma che avrebbe di tanto importante da dirci questa tristezza?? Magari che ci sono tante cose di noi stessi che non abbiamo ancora scoperto e che meritano attenzione. Che forse non ci va sempre di sorridere, soprattutto quando si ostinano a fare battute antipatiche su quelle cose che in realtà ci feriscono… non siamo mica macchine da cabaret! E che magari quel commento a sproposito che abbiamo volutamente ignorato in realtà ci è rimasto incastrato sullo stomaco. O che quelle cose che a tutti piacciono a volte non ci divertono affatto… Che non siamo proprio esattamente come ci ostiniamo a mostrarci agli altri ogni giorno. E che quell’altra parte di noi, un po’ più in ombra… magari non è proprio niente male e merita la nostra attenzione!!

Alla fine dobbiamo ammetterlo, questa storia dell’inquilina sgradita aveva un suo significato… ben venga un momento di silenzio ogni tanto… potrebbe darci la chiave per aprire porte che non avevamo notato… e scoprire mondi che ci attendono, tutti dentro di noi!

C.C.

bocca_grigia

50 sfumature…di gigio

informabusancona No Comments

“Io non faccio l’amore, io scopo, forte”, dice il signor “Grigio” (per gli amici Grey) alla sua nuova conquista, che si mordicchia le labbra, con quello sguardo da piccola fiammiferaia. Lei ha l’aria dolce e sperduta di una appena uscita da un cartone animato Disney, solo che questa uscita le è costata un pochino cara. Perché là fuori le cose sono un tantino diverse. “Ti fidi di me?” le chiede il signor Grigio tendendole la mano. Ma invece di portarla su un tappeto volante come Aladdin aveva fatto con Jasmine, la porta nella famosa stanza dei giochi, dove comunque ci sono delle simpatiche corde e catene per svolazzare appesi al soffitto. Questo è il momento in cui Anastasia capisce che decisamente non stiamo più parlando di cartone animato. E che non  canteranno insieme neppure la famosa canzone “il mondo è tuo, il mondo è mio”.. perché da contratto è lui il padrone, lei la schiava, e lì il mondo è decisamente solo del signor Grigio. Però c’è da dire che Grey è molto più ricco di quel poveraccio di Aladdin, e per Anastasia non bada a spese: un’auto nuova di zecca, un pc, vestiti…. ovviamente scelti sempre da lui, così che lei non si scomodi troppo ad esprimere desideri suoi. Non è previsto per contratto. Del resto era ora che sdoganassero questa figura obsoleta del principe azzurro, e arrivasse finalmente lui, il principe grigio. Che non va a cavallo e neppure sul tappeto volante, poiché ha una quindicina di auto di lusso in garage. Anastasia comincia a prenderci gusto, si sente “Eva nel paradiso terrestre” e lui è un incantevole serpente che la guida alla scoperta di un mondo oscuro ed eccitante, e lei non sa resistergli. E’ un dominatore, un vero maschio Alfa, davvero affascinante. Non gli piace fare l’amore, solo sesso sfrenato  nella sua stanza dei giochi. Non si lascia neanche toccare. Insomma a dirla tutta qualche problemino ce l’ha, ma non è anche questo che lo rende così affascinante? Questa sua presenza ossessiva e possessiva, insieme a questa assenza affettiva, che manda tutti gli ormoni per aria, che ti fa piangere per ore, e desiderare solo che lui sia lì vicino a te…? Ahhh questa sì che è passione!! E poi questi suoi problemi sono frutto di un trauma, non è colpa sua. C’è sempre quella vocina in fondo allo stomaco che sussurra “lui cambierà per amore, devi solo avere pazienza e stargli vicino”. E Anastasia è disposta a fare proprio tutto, anche giocare al dottore nella stanza dei giochi. Dottore si fa per dire, che sembra più una stanza da torture medievali..ma del resto l’intimità è uno spazio privato e ognuno la vive secondo la propria fantasia. Secondo alcune ricerche pare anche che chi pratica il BDSM (pratiche erotiche amate dal signor Grigio) sia meno nevrotico di altri. E infatti anche noi pensiamo che dare voce alle proprie nascoste fantasie sessuali è un ottimo antidoto alla nevrosi e anche un fattore di coesione nella coppia. Peccato che qui le fantasie siano solo del signor Grey. Pazienza. Peccato anche che lui abbia fatto un tantino confusione tra il piacere e il dolore. Ancora pazienza. E poi peccato che non possa fare a meno di umiliare e “punire” la sua donna, perché questo lo eccita terribilmente. E qui Anastasia perde la pazienza. Incredibile ma vero. Persino prima che lui le chieda di fare sesso appesa all’elicottero per poi paracadutarsi su un tappeto di spine, e noi che la credevamo senza speranze…. Scherzi a parte, e con il massimo rispetto per l’intimità e i gusti sessuali di chiunque, noi ci augureremmo che invece di passare alle cinquanta sfumature di nero e rosso, Anastasia potesse uscire da questa favola moderna, e continuare la sua esplorazione della sessualità da un’altra parte. Possibilmente mandando il signor Grigio a quel paese, o meglio da un terapeuta, per risolvere i suoi traumi, perché la sua sottomissione invece di aiutare lui, potrebbe più probabilmente traumatizzare lei. E quindi ci piace, che ne so, immaginarla in India a studiare le discipline tantriche, in cui la ricerca del piacere sessuale nasce dalla meraviglia dello scambio e del rispetto reciproco, e si unisce all’evoluzione spirituale della persona. Oppure a casa sua con il ragazzo della porta accanto, che la ricopre di fiori ed è curiosissimo di sapere cosa le fa piacere e cosa no, fuori e dentro il letto. Che di sfumature ce ne sono molte più di 50, soprattutto se non ti limiti al grigio.

C.C.

sessualitaimm

Sesso: manuale d’uso

informabusancona No Comments

Eccoci qua! Di ritorno dalle vacanze natalizie in questo strano inverno misto primavera…perché come ormai si sa non esistono più le mezze stagioni e neppure, probabilmente, le stagioni. Eppure noi ci siamo, e voi anche. Cambiano le stagioni, cambia tutto, ma le domande restano, insieme  al bisogno di risposte. Curioso no? Ci siamo dotati di ogni possibile e fantasmagorico mezzo informativo, possiamo disporre di ogni tipo di tutorial, da quello per l’uncinetto a quello per la costruzione di case di paglia o astronavi. E per di più tutti abbiamo un cellulare ultimo modello in grado di fornirci ADESSO qualsiasi risposta: praticamente abbiamo le istruzioni per ogni momento di vita in un click. Eppure, lui, IL DUBBIO, resta.. E nonostante tutte queste risposte a portata di click lui, (sempre il dubbio), non sembra proprio aver perso il suo smalto e non ha nessuna intenzione di dichiararsi sconfitto. E’ lui che produce quel sottile fastidio nello stomaco mentre ci arrabattiamo tra mille possibili risposte, tra infiniti manuali di istruzioni..tutti potenzialmente utili, tutti potenzialmente sbagliati. Perché anche se ci sono mille video che ci spiegano come funziona questa o quella cosa, alla fine non ce n’è neanche uno che spiega come funzionerà per me, nella mia vita. Cosa farà stare bene me, proprio me e non quell’altro. E inoltre, c’è una vera e propria giungla di castronerie tra cui districarsi per poter avere almeno le informazioni di base corrette. E’ così per molti argomenti, uno dei quali ci sta molto a cuore: la sessualità. E quindi ancora una volta ci teniamo a ripetere che cercare di capire il sesso tramite youporn e compagnia cantante… è come imparare a guidare su fast and furious. La vita è un’altra cosa, a meno che non siate stantman ( e poi anche loro hanno una vita privata in cui si rilassano, altrimenti sarebbero tutti in psichiatria). L’intimità, quella vera che ci fa volare alto, è una cosa molto più bella, perché è quel luogo in cui smettiamo di cercare di dimostrare qualcosa, di adattarci a come dovrebbe essere (che è un concetto noiosissimo), e ci affidiamo a quello che sentiamo, ci dedichiamo alla scoperta di ciò che ci fa stare bene, all’ascolto di noi stessi e dell’altro. Questa è la vera bomba ragazzi: anche oggi in mezzo a mille tutorial è ancora tutto da scoprire, e se avrete la pazienza di spegnere youtube scoprirete la fantastica sensazione che nasce dal rispetto della vostra unicità e sensibilità. Perché se parliamo di sessualità parliamo sempre anche di affettività. E per le informazioni fondamentali sulla prevenzione e contraccezione (quelle di cui non potete proprio fare a meno affinché la sessualità sia vissuta serenamente) ovviamente ci siamo noi! E insieme a noi speriamo possa esserci sempre di più anche la scuola. Su questo, udite udite, abbiamo anche un alleato d’eccezione: Rocco. Ebbene sì, proprio quel Rocco, Siffredi. Che su change.org si è fatto promotore di una campagna per l’educazione sessuale obbligatoria nelle scuole. Lui ci mette la faccia, dopo trent’anni nel mestiere, ci dice, sa benissimo che il porno e l’educazione sessuale sono due cose ben diverse. E se lo dice Rocco..!!!!

C.C.

cerini

Nel curriculum c’è passione?

informabusancona No Comments

Trovare il proprio lavoro ideale non è facile. Ci metti anni per capire cosa vuoi fare. Poi altri anni per prepararti a farlo. E poi infine pochissimi anni per capire che forse hai sbagliato tutto e che non è poi così facile fare ciò che vuoi. Perché il mercato è fermo, c’è la crisi (anche se in vista del Natale la televisione precisa che la crisi è sospesa e ora puoi spendere i tuoi risparmi per i regali e darti ad un generoso ottimismo), e poi non sono più i tempi di una volta. Che bastava studiare e subito trovavi lavoro. Capirai oggi se non hai il supermegamaster alla Bocconi con plurimo riconoscimento e firma in calce del presidente della Repubblica sei sempre e comunque un invisibile poveraccio. Che quasi quasi rinunci anche prima di cominciare… perché mai dovrebbero venire a calcolare proprio te…perché proprio il tuo curriculum tra migliaia… Sì, giusto, il curriculum… quella specie di noiosa lista della spesa che per anni abbiamo imparato a compilare nel giusto formato. Quale formato? Quello europeo ovviamente. Che a farlo bene (con le specifiche relative a quanti peli aveva il gatto del tuo datore di lavoro) fornisce la miglior garanzia per non essere mai neppure chiamati per un colloquio.

Chi ha il masochismo necessario a leggere un intero CV europeo sicuramente non occupa posti di responsabilità nella selezione del personale. E cosa c’entrerebbe il masochismo? Beh c’entra molto. Perché quando ti guardi allo specchio e inizi a chiederti cosa davvero ti fa stare bene, salti automaticamente il 60% (almeno) di tanti passaggi che sembravano obbligati. Tra i quali l’elenco dei peli del gatto nella stesura del cv, o magari anche la ricerca di un costosissimo master in grado di darti l’unica chiave possibile per entrare in quel paradiso dorato popolato dai “degni di assunzione”. Perché prima di scrivere un CV o scegliere il corso migliore per te magari ti chiederai cosa davvero ti appassiona… e dove sta il terreno ideale per seminare i tuoi talenti e farli crescere al meglio. “Certo”, direte voi, “pare facile, senza poi neanche la firma del Presidente della Repubblica e la lista dei peli del gatto, voglio proprio vedere perché mai qualcuno dovrebbe notarmi o darmi un’opportunità!!” Beh, immaginatevi raggianti mentre avete trovato il vostro terreno ideale, e annaffiate la vostra piantina sprizzando luce e allegria al solo pensiero di quando sarà nata. Ecco, in quel momento probabilmente qualcuno vi noterà. E quando la pianta sarà cresciuta sarete voi ad aver creato la vostra opportunità. E gli altri verranno a cercarvi per scoprire quei frutti che sono solo vostri. Fantasie idealiste?

Eppure io giurerei che quelli che scelgono questa strada li riconosci a distanza. Perché non diventano ciò che fanno (tipo “sono un ingegnere perché ho deciso di fare l’ingegnere) ma fanno ciò che sono e per cui sono nati. E lo vedi subito che sono una cosa sola con il proprio lavoro, la propria arte, la propria passione, e hanno gli occhi di chi ha realizzato un sogno. Guardatevi intorno e aguzzate la vista… di sicuro qualcuno ne avete incontrato. Magari su un palcoscenico di un localino di periferia, venerdì scorso (e il riferimento non è casuale). Ma ce ne sono molti altri, più o meno visibili. E dovunque siano, su un palcoscenico, dietro a una scrivania, in una palestra, in mezzo alla natura…. sanno produrre dei frutti rari e preziosi. Voi non dareste un’opportunità ad uno così…?

Candele zucche  foto stock  Vacanze Halloween

E tu che mostro sei?

informabusancona No Comments

Dopo pochi giorni dall’avvento di streghe e stregoni, zucche (zucconi) vampiri e mostri di ogni genere… eccoci qua nuovamente nei nostri abiti quotidiani. Qualcuno sarà ora davanti ad un pc, qualcun altro chino sui libri per il prossimo esame (o la prossima interrogazione)… immagino ben pochi siano in questo momento alle prese con una pozione a base di ali di pipistrello e bava di lumaca. …E voi? Siete usciti indenni dai vostri mostruosi panni Halloweeniani?

Per quanto si possa polemizzare sul carattere commerciale o sulla non italianità di questa ricorrenza, il suo fascino resta ormai innegabile..

Possiamo confermarvelo anche noi di Informabus che eravamo presenti alla consueta festa organizzata dal Gulliver all’Università di Ingegneria: un tutto esaurito di mostri e mostriciattoli danzanti, cadaveri in ottima forma e vampiri festanti… divertimento assicurato!!

Ma da dove nasce questa tradizione?

Come molti di voi sapranno si tratta di una festa molto antica, che ha le sue origini nella cultura celtica. Per i celti infatti l’anno terminava il 31 ottobre, aprendo le porte ai mesi bui della stagione invernale. In questa data si celebrava quindi quella che era la festa più importante dell’anno, dedicata a Samhain: signore della morte e principe delle tenebre che chiamava a sé tutti gli spiriti dei defunti. Una celebrazione che serviva per esorcizzare antiche paure, e per celebrare l’incontro tra il mondo visibile e quello invisibile. Un incontro sacro che precedeva i lunghi mesi invernali, in cui ci si preparava a stare al chiuso, godendo del raccolto precedente, e raccontando storie.

Oggi, dopo più di 2000 anni, il mondo è decisamente cambiato.. l’invisibile probabilmente ci interessa meno, anche perché siamo già abbastanza impegnati in tutto ciò che è quotidiano e perfettamente visibile. Parliamoci chiaro: queste storie di fantasmi sono roba superata! Del resto solo i bambini hanno paura del buio da quando è stata inventata la luce elettrica! E se le streghe esistessero non se ne andrebbero certo in giro sulla scopa: un mezzo che al momento risulta decisamente poco trendy.

Ma allora perché ci piace tanto sfoggiare cappelli neri a punta e occhiaie stile zio Fester almeno una notte all’anno? A quanto pare l’incontro con l’oscurità continua ad avere il suo fascino…

Perché secondo voi?

Uno di quei tizi che di tanto in tanto amiamo citare diceva: nell’impossibilità di poterci vedere chiaro, almeno vediamo chiaramente le oscurità!” Questo tizio si chiamava Freud. Anche lui è un po’ retrò ormai… eppure forse non ha tutti i torti. Sarà che un po’ di questa oscurità ce la portiamo dietro nonostante tutte le lampadine accese? L’oscurità di una paura, di un’emozione che non ci piace e non sappiamo esprimere, di un disagio a cui ancora non abbiamo dato un nome, di una vocina che di tanto in tanto sembra ricordarci di ascoltarci un po’ più a fondo, perché dentro di noi ci sono ancora molte “zone oscure” o inesplorate. E allora Halloween forse è un momento per fare amicizia con quei mostriciattoli che abitano le nostre zone oscure, esorcizzando le paure in modo creativo e divertente… E, se così è, (tanto per tornare ai nostri temi) ci sembra anche un buon modo per fare prevenzione.. a patto ovviamente di starci con la zucca!!

Allora care streghe e cari stregoni in incognito, in attesa che sfoderiate nuovamente le vostre scope ultimo modello, vi aspettiamo sul camper!!!

Articolo scritto da Chiara Crocianelli operatrice Informabus