corpo

Le dipendenze tecnologiche ai tempi dei coronavirus

Sacha Moccheggiani No Comments

Il fatto di dover stare a casa praticamente tutto il giorno per contenere il contagio potrebbe avere non poche ripercussioni sul nostro stato emotivo e psicologico. Se la carenza degli stimoli del mondo esterno di cui dobbiamo fare a meno possono essere almeno in parte compensati dalle nostre attività suil web, d’altro canto queste possono dar luogo a vari problemi.
Con lo smart working o ancor di più con la completa sospensione del lavoro o delle normale attività, i confini e i ritmi delle attività quotidiane si sono fatti più fluidi con la conseguenza di una possibile sregolazione degli equilibri abituali; ciò può comportare un disordine nei ritmi della giornata ed un accumulo di tensioni che soprattutto di notte possono emergere con prepotenza. La sedentarietà può portare ad un surplus di energie che si traducono in tensione fisica e mentale, particolarmente accentuate in persone predisposte all’ansia o tendenti a comportamenti compulsivi.
Probabilmente in questo modo si possono spiegare dati come il picco di quasi il 50% in più rispetto al normale di visite a siti pornografici come Porn Hub. Inoltre alcuni portali del porno stanno offrendo abbonamenti gratuiti in queste settimane di quarantena. Il pericolo è quello di fuggire dalla prigione della solitudine per entrare in quella della dipendenza tecnologica o da pornografia. La pornodipendenza può portare al progressivo disinteresse verso la sessualità con il partner, la chiusura e l’isolamento. Per single e coppie non conviventi una delle conseguenze della odierna situazione di isolamento è l’astinenza dai rapporti sessuali.    A questo si può ovviare grazie alle moderne frontiere della sessualità in remoto come il sexting e le videochat. Qui le necessarie precauzioni riguardano la tutela della privacy e l’anonimato per prevenire il rischio di fenomeni di Cyberbullismo e Revenge-Porn basati sulla diffusione non consensuale di immagini intime.

In queste settimane la maggior parte delle persone è a rischio di dipendenza dai social e dall’Information-Overload, ossia la ricerca compulsiva di informazioni on-line. Questa pratica può essere particolarmente insidiosa generando confusione e ulteriore ansietà sui temi relativi al contagio da Coronavirus Covid-19 ma anche su allarmi e previsioni riguardanti le conseguenze sociali e politiche future. A queste paure del futuro sono collegate dipendenze come quella dal gioco online che potrebbe essere stimolato dall’illusione di guadagni alternativi in un momento in cui l’economia di molti è ferma o in remissione. Invece la chiusura di esercizi commerciali e la percezione di maggior difficoltà di reperire determinati prodotti potrebbe amplificare la tendenza allo shopping compulsivo online che insieme al gioco rischia di mettere ulteriormente in crisi le finanze di queste persone.

Tutto quanto descritto finora rientra nella cosiddettta internet addiction che comprende tra i suoi sintomi la perdita del senso del tempo online, il progressivo impoverimento dell’impegno riposto in altri interessi e attività, l’iniziale euforia a cui segue il senso di colpa per l’eccessivo utilizzo della rete, la chiusura e l’isolamento rispetto alla famiglia e agli amici. Insomma in questo periodo si tratterebbe di un isolamento nell’isolamento.

Per evitare di incorrere in questi problemi si può stabilire e  monitorare il tempo passato on line e definito un budget di spesa per e-commerce e giochi a pagamento.et ragionato per spese da effettuare su siti di e-commerce e giochi a pagamento. Per evitare di venire travolti dall’information-overload è bene riferirsi esclusivamente a fonti informative ufficiali e autorevoli. Gli psicoterapeuti consigliano anche di mantenere interazioni sociali attraverso conversazioni telefoniche e non solo chat testuali; per staccarsi e compensare il tempo speso davanti allo schermo è provvedere a una routine di esercizi fisici e possibilmente tecniche di rilassamento e pratiche meditative. Per fronteggiare l’eccessivo utilizzo di pornografia che può portare ad una overdose di immagini e stimoli visivi con conseguente perdita di contatti con la sessualità reale i sessuologi consigliano di alternare la lettura di racconti erotici per un’eterogeneità di stimoli.                                                                  Se l’autoerotismo può ricoprire un’utile funzione sensuale e distensiva, può però assumere carattere compulsivo se utilizzata per sedare un ricorrente stato di inquietudine e ansietà. In quest’ultimo caso è opportuno elaborare e affrontare i motivi del proprio stato d’animo individuando strategie più mirate per la gestione dell’ansia.

Se si pensa di avere un problema non bisogna vergognarsi ma sentirsi orgogliosi di provare a star meglio; non c’è assolutamente niente di male a chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta per affrontare in modo efficace la situazione. In questo periodo molti professionisti stanno offrendo servizi in videoconferenza per garantire supporto durante l’emergenza. Restare a casa corrisponde a una responsabilità sociale oltre ad assumere un valore protettivo verso se stessi. Associarvi una particolare cura del proprio benessere fisico e psicologico garantisce un atteggiamento attivo e positivo.

Corpi modificati

Sacha Moccheggiani No Comments

Quante persone conoscete che hanno piercing, tatuaggi?
Che si sono sottoposte ad interventi di chirurgia plastica (senza motivazioni mediche) o che praticano body building? Tutte sono accomunate dal bisogno di modificare il proprio corpo.

Fino a qualche anno fa si trattava di pratiche riservate a poche persone, spesso appartenenti a culture sotterranee, ora invece sono molto più diffuse. Anche se meno frequenti, si stanno diffondendo anche attività più estreme come scarificazioni, impianti di canini vampireschi , impianti sottocutanei, tatuaggio della sclera (parte bianca del bulbo oculare), biforcazione della lingua etc…

Che tempi….dirà qualcuno, ma in realtà le prime tracce di queste usanza risalgono risalgono a più di 11500 anni fa e le finalità erano marcare riti di passaggio all’età adulta, o per indicare appartenenza ad un gruppo; se ci pensiamo bene anche oggi a volte le motivazioni sono le stesse. Non è forse per assomigliare a qualcuno o per differenziarsi da qualcun altro che si effettuano queste pratiche? In questo caso sembra trattarsi di una spinta esterna che conduce la persona alla modificazione corporea. Sembra di tornare ai riti di passaggio tipici delle società tribali, osserverebbe un antropologo…

Altre volte invece sembra che l‘impulso venga dall’interno; può trattarsi di un modo per ricordare, incorporare, una storia o un particolare evento. In altre occasioni qualcuno utilizza una di queste consuetudini per superare una fase difficile, affronta la sofferenza con la sofferenza. La soglia è labile tra questo atteggiamento e chi modifica il proprio corpo per esprimere un disagio (che a volte sfocia in comportamenti autolesionisti).

Ad ogni modo si tratta di una forma di espressione della propria identità ed individualità. Sono corpi che parlano, che esprimono tutto ciò che possono; opinioni, credenze, atteggiamenti, scelte, progetti emozioni che affiorano da sotto la pelle.

Secondo alcuni studiosi si modifica il proprio corpo per la difficoltà di rappresentare quello che si è vissuto e che spesso brucia ancora – le parole e i pensieri vengono rimpiazzati da azioni sul corpo e a volte contro il corpo. Voi che ne pensate? Sul camper Informabus si può parlare anche di questo; vi aspettiamo!