Cannabinoidi sintetici

Cannabinoidi sintetici

Sacha Moccheggiani No Comments

Da qualche anno ormai si sente parlare di cannabinoidi sintetici, chiamati anche Spyce, K2, X, Tai high hawaiian haze, Mary joy, Exodus damnation, Ecsess, Devil’s weed, Clockwork orange, Bombay blue extreme, Blue cheese, Black mamba, Annihilation.
Nel nostro Paese, 1 ragazzo su 10 in età adolescenziale ha consumato cannabinoidi sintetici almeno una volta, secondo il rapporto di Espad Italia.

Le sostanze chimiche contenute all’interno di queste droghe agiscono come i cannabinoidi, legandosi ai recettori di cannabinoidi nel cervello, (noi nel nostro cervello produciamo endocannabinoidi), ma non hanno la stessa azione dei cannabinoidi naturali e qui risiede il loro pericolo. I cannabinoidi sintetici funzionano “meglio” sui recettori cannabinoidi rispetto a quelli naturali, e per questo risultano potentissimi e possono produrre effetti così tossici

Uno studio recente, “Ischemic stroke after use of the synthetic marijuana ‘spice,” pubblicato l’8 novembre su Neurology dai ricercatori dell’Università della Florida del sud, traccia un collegamento fra l’uso di cannabis sintetica e l’ictus. A differenza della marijuana, con cui è praticamente impossibile andare in overdose, un uso massiccio di cannabis sintetica può provocare allucinazioni intense, palpitazioni, incapacità nell’articolare suoni, vomito, eccessi psicotici, paranoia, agitazione, tremori, innalzamento della temperatura corporea e attacchi di cuore. Nei casi più estremi si può anche arrivare alla morte. Vi abbiamo convinto a starne alla larga?

block o black friday?

Sacha Moccheggiani No Comments

Cambia solo una lettera, ma aderire ad uno o a l’altro, cambia eccome!  Sono passate circa 3 settimane da quel venerdi in cui siamo stati bombardati da pubblicità di sconti che a volte in realtà si estendevano non solo per un giorno, bensi per una settimana intera, ed anche oltre. Questo era il black friday, moda importata dagli Usa che porta i suoi seguaci più estremi a passare le notti precedenti alle mattine in cui iniziano gli sconti davanti agli ingressi dei centri commerciali; tutto pur di non lasciarsi sfuggire i prodotti tanto desiderati. 

 

Sui social network invece alcuni proponevano un venerdi alternativo a quello del consumo, anzi, opposto. Si, perche’ consumo di oggetti, significa anche incremento di rifiuti, e quelli tecnologi sono estremamente inquinanti ed impattanti sull’ambiente che ci ospita. Il block friday ha visto scendere in piazza in molte città europee i giovani che da più di un anno protestano contro l’emergenza climatica, questa volta contro il consumismo. Tu da che parte stai?

Corpi modificati

Sacha Moccheggiani No Comments

Quante persone conoscete che hanno piercing, tatuaggi?
Che si sono sottoposte ad interventi di chirurgia plastica (senza motivazioni mediche) o che praticano body building? Tutte sono accomunate dal bisogno di modificare il proprio corpo.

Fino a qualche anno fa si trattava di pratiche riservate a poche persone, spesso appartenenti a culture sotterranee, ora invece sono molto più diffuse. Anche se meno frequenti, si stanno diffondendo anche attività più estreme come scarificazioni, impianti di canini vampireschi , impianti sottocutanei, tatuaggio della sclera (parte bianca del bulbo oculare), biforcazione della lingua etc…

Che tempi….dirà qualcuno, ma in realtà le prime tracce di queste usanza risalgono risalgono a più di 11500 anni fa e le finalità erano marcare riti di passaggio all’età adulta, o per indicare appartenenza ad un gruppo; se ci pensiamo bene anche oggi a volte le motivazioni sono le stesse. Non è forse per assomigliare a qualcuno o per differenziarsi da qualcun altro che si effettuano queste pratiche? In questo caso sembra trattarsi di una spinta esterna che conduce la persona alla modificazione corporea. Sembra di tornare ai riti di passaggio tipici delle società tribali, osserverebbe un antropologo…

Altre volte invece sembra che l‘impulso venga dall’interno; può trattarsi di un modo per ricordare, incorporare, una storia o un particolare evento. In altre occasioni qualcuno utilizza una di queste consuetudini per superare una fase difficile, affronta la sofferenza con la sofferenza. La soglia è labile tra questo atteggiamento e chi modifica il proprio corpo per esprimere un disagio (che a volte sfocia in comportamenti autolesionisti).

Ad ogni modo si tratta di una forma di espressione della propria identità ed individualità. Sono corpi che parlano, che esprimono tutto ciò che possono; opinioni, credenze, atteggiamenti, scelte, progetti emozioni che affiorano da sotto la pelle.

Secondo alcuni studiosi si modifica il proprio corpo per la difficoltà di rappresentare quello che si è vissuto e che spesso brucia ancora – le parole e i pensieri vengono rimpiazzati da azioni sul corpo e a volte contro il corpo. Voi che ne pensate? Sul camper Informabus si può parlare anche di questo; vi aspettiamo!