La musica, una cura dell’anima

La musica, una cura dell’anima

informabusancona No Comment
benessere Informabus Ancona vita sana

Il tuo musicista preferito. Ne hai uno, sicuramente, tutti lo hanno.  E’ bravo, bravo, bravissimo. Che stile, che portamento, che sound. E quello sguardo accattivante che ti fa sognare, e, diciamolo, ti smuove pure gli ormoni alla grande. Aggressivo/a e potente, con la sua rabbia gridata o rappata al vento contro un mondo che non gli piace. Urla i suoi dolori e i suoi malori… e noi piangiamo insieme a lui/lei. I grandi artisti sono questo, creano le mode, bucano le barriere, sconvolgono le consuetudini, sdoganano i cliché. Che so, Bowie, lui che ora ci ha lasciato e che tutti piangiamo, negli anni 70 gliel’ha fatta vedere lui a quei borghesi perbenisti del cavolo, a suon di piume e luccichini. Avanti tutta, fuori i benpensanti, dentro loro, gli artisti che non devono chiedere mai, che sono i grandi numeri uno e che qualsiasi numero due lo osservano da un alto piedistallo. Che sono fotogenici anche mentre fanno i bisogni sul water, perché loro non si scompongono. O meglio, sono tutti scomposti sempre, per fare tendenza. Quando vai a un concerto per due ore ti senti un figo a sbraitare con loro, poi  torni a casa, al tuo mondo, ti guardi allo specchio, non vedi nulla di particolarmente fotogenico mentre sei sul water, e pensi beh, ho sognato per un po’, torniamo alla norma dei poveri normali, che stanno a milioni di anni luce da qualsiasi palcoscenico. E poi, ogni tanto, qualcosa cambia. Tipo in una insospettabile cornice Sanremese dove di novità te ne aspetti pochine…(ma perché essere prevenuti). Arriva lui, Bosso. Lui il super portamento non se lo può permettere, è in sedia a rotelle. Togli anche lo sguardo alla Bowie e l’indole aggressiva. E pure i malori sbraitati ai quattro venti. Lui che di malori da urlare ne avrebbe, volendo. Invece non rappa neanche figuriamoci, in compenso ti fa piangere. Ma piangere di commozione, di gioia, di speranza. Perché lui  la musica l’ha presa così, come una medicina che cura i dolori dell’anima, qualcosa che ti scalda il cuore, ti fa stare bene. Una stanza comoda e accogliente in cui puoi stare quando vuoi, e cullarti nelle tue emozioni più belle, o anche andare ad osservare quelle più scomode. Perché ogni canzone, come ci racconta, anticamente era chiamata “stanza”. Ci racconta di come ogni essere umano viva 12 stanze nella sua vita, la prima non la puoi ricordare finché non arrivi all’ultima, dove finalmente trovi la tua libertà. E nel viaggio tra le stanze più luminose e più buie la musica ci accompagna…non  tanto come un urlo contro qualcuno o qualcosa, una rottura degli schemi….no. E’ costruzione. E’ una condivisione di una verità che ti viene dalla stanza più intima dell’anima. Un dono sincero della tua forza vitale più autentica, lontana anni luce dalle pose plastiche sul water.  E tutti a piangere. Commozione, lacrime, applausi. Qualcuno dirà che è l’effetto naturale che fa la persona affetta da un serio problema fisico quando scala comunque i gradini del successo. Eppure io direi che c’è dell’altro. C’è che questa persona ha avuto tempo e voglia di andare a capire cosa ci sta (dovrebbe stare) davvero a fare uno su un palcoscenico nel 2016. Ti mostra la bellezza e la forza della sua anima, e ti infonde, poco a poco, la voglia di andare a scoprire e mostrare anche la tua di bellezza. Ti fa un regalo, e grande. E allora non ti senti un figo urlando sotto i piedi di una star per cinque minuti, ti senti come uno a cui hanno detto “hey, a me hanno donato questa cosa meravigliosa, ora te ne regalo un po’, perché ti aiuti a trovare anche il tuo di dono meraviglioso”. E quando torni a casa ti porti via qualcosa, una fiammella che si è accesa e che se la curi bene crescerà. Ecco io credo che oggi siamo più o meno consciamente avidi di questo: un’arte che non sia la celebrazione dell’ego debordante di qualcuno, ma qualcosa che ti scaldi dentro e che sia profondamente e umilmente vero. Questa è grandezza. Grazie Bosso, persone come te non hanno bisogno di abbattere muri, quelli cadono da soli per vergogna, e aprono strade nuove, finalmente.

Commenti

Leave a Reply